Chi non corre in compagnia…

Ieri sera, ore 19, nonostante il gran mal di testa non resisto alla tentazione di andare a correre in compagnìa. Squilla il telfono, Max mi chiede  “allora, cosa hai deciso, vieni o no?”

Un attimo prima mi sentivo svenire per il mal di testa, un attimo dopo sono in macchina in direzione casa di Max, con canotta, pantaloncino e scarpette da running. 

Di nuovo al Parco di Monza, di nuovo con Runningmax. Ovviamente, nel parco non è una impresa ardua, cambiamo percorso, correndo per un’oretta tra sterrato e asfalto. Soffro come una cane per l’attacco della cefalea/emicrania/cervicale (???), ma porto a termine una seduta di allenamento di una decina di km che mai sarei riuscito neppure ad iniziare se fossi stato solo.

E noto con gran piacere che il tapabluff (RunningMax) sta recuperando energie, morale e salute. Corre ancora un po’  pianino, ma sta benone. Ed è quel che conta veramente.

Continuo, nonostante corra da molto tempo a stupirmi di come la corsa fatta con uno o più amici sia cosa completamente diversa dalla corsa solitaria. E’ una banale osservazione, ma provare la differenza mi da ogni volta grandi emozioni.

E dunque alla brigata tapasciona, a cui mi fregio di appartenere, dedico questo post, invitando i personaggi in foto e gli altri adepti a tornare a correre presto tutti insieme, come non capita da tempo. Le tapasciate invernali – si osservava ieri chiacchierando mentre correvamo con Max, – ci mancano da morire. Il clima spensierato, che contrastava col freddo a volte gelido e con gli orari assurdi delle partenze, riscaldava gli animi e ci concedeva attimi prolungati di serenità, benessere e divertimento.

Oltre ogni record personale, oltre ogni ripetuta, oltre ogni gara tirata…che idea  magica, la Brigata Tapasciona!

Alla prossima

Chi non corre in compagnia…ultima modifica: 2007-07-15T16:00:00+02:00da pandanilo
Reposta per primo quest’articolo