Il Panda, Lo Zio e Lo Stambecco

Letto così sembra il titolo di una storia di Topolino, o di qualche altro fumetto della Disney. E già che un vignettista vero c’è tra i personaggi citati. E’ un signor atleta, è un tipo in gamba, ed una gran brava persona.

E’ lo zio, alias Marco Terraneo, col quale mi do appuntamento stamattina ad Erba alle ore 6,45, per andar a recuperare insieme un suo amico, tale Marco in arte Stambecco (un nome un programma!!!) e partire alla volta di Rasura, in Valgerola, dove si disputa la Rasura Bar Bianco, corsa in montagna.

Alle ore 9,30 è prevista la partenza, ma arrivaimo con largo anticipo, dunque si fa in tempo abbondantmente a riscaldarsi, a fare qualche bisogno tecnico-fisiologico (l’aria di montagna stimola) e addirittura ad improvvisarci (complice lo Zio) fornitori ufficiali per gli atleti che risulteranno sul podio a fine gara, di quel bene indispensabile in momenti “delicati”: la carta igienica!

Prestiamo della carta igienica per un improvvisata scenetta nei prati a degli atleti che poi giungeranno PRIMO e SECONDO al traguardo, dopo aver dato del fertilizzante naturale ai prati di Rasura, mentre amici immortalano con una digitale il loro “atto glorioso”!

Quasi quasi la prossima volta la faccio anche io nei prati, Zio non dimenticarti la carta! E che sia la stessa marca di oggi!

In realtà i primi della clasifica sono dei signori atleti, che i 5,750 km li corrono tutti d’un fiato (mentre la maggior rparte degli altri, ovviamnete me compreso, camminerà molto, non riuscendo a correre su pendenze proibitive) su un dislivello di circa 700 mt.

Fa caldo, vado in crisi prima della metà gara, e mi passano davanti signore “culone” (è un’espressione affettuosa, nessuno si offenda), signori baffoni attempati, ragazzine e così via. Sono alla ricerca continua di fontane e fontanelle, per improvvisare copiose docce in un giorno che si preannunciava come tra i più caldi dell’estate, con un tasso di umidità significativo. E io ho le gambe totalmente imballate dalle ultime uscite, tutte in montagna!

Arrivo in cima dopo circa 50′ o poco più, con un distacco eterno dai miei compagni di viaggio, ma con la soddisfazione di chi prova ad affrontare sfide sportive non alla propria portata, con lo stesso spirito di chi mi precede (moltissimi) e di chi mi segue (pochini). Tutti accomunati dalla passione per la corsa in natura, la corsa in montagna. Pochi mesi fa non avrei mai pensato di farne gare in montagna. E ne ho fatte due in una settimana.

Vuoi vedere che prima o poi ci scapperà anche la prima maratona?

….Naaaaaa

Alla prossima

Il Panda, Lo Zio e Lo Stambeccoultima modifica: 2007-07-22T16:15:00+02:00da pandanilo
Reposta per primo quest’articolo