Il canto delle sirene

…”seducenti, apparivano tra le spume del mare chiedendo con un canto suadente ai marinai di interrompere la loro solitaria navigazione, di indugiare con loro…. Nessuno (…) resisteva all’invito -che precedeva una fine crudele…”

Ecco. E’ passato quasi un mese dall’ultima pubblicazione sul blog, in mezzo alcune tapasciate molto belle, in compagnia, in solitaria, la scorsa settimana con 62km nella gambe e poi di nuovo il Trentino, per lavoro. E per diletto.

Così, martedi, in pausa pranzo, mi fiondo nel nuovissimo impianto sportivo di Arco, ed eseguo, a ritmo sereno, un 4000 a 4’35”, un 2000 a 4’11” e un mille a 3’54”. Mi dirigo verso l’uscita della pista, soddisfatto e affaticato … quando … inaspettatamente, avvolto dalle montagne, in un clima autunnale di una giornata calda dai colori nitidi…realizzo che sono, dopo tanti anni (…10 anni!) nella possibilità di tentare un nuovo “giro della morte”, nome con cui viene definita la gara dei 400mt piani.

Già…i 400mt piani, specialità in cui ai tempi dell’Università a Napoli avrei dovuto centrare il tempo minimo richiesto per partecipare ai Campionati Italiani Assoluti di Atletica Leggera. Ma non andò così. Dopo un anno di buone prestazioni la paura della gara stava pian piano divorando la passione per la corsa. E così, lasciai stare. Stop. Finito con l’atletica.

Poi 10 anni passano. Sono successe tante cose, alcune brutte altre bellissime (come mia moglie e mia figlia…). E ho ripreso a correre in strada, su lunghe distanze, con scarsi risultati, ma col piacere. E non con la sofferenza.

Ma martedi, in pista, ho sentito il canto delle sirene. Una vocina mi ha invitato, prima di rientrare in albergo per la doccia, a correre, in solitario, un “giro della morte”. Come ai vecchi tempi. Ancora uno. 

Ci sono ovviamente cascato!

L’ho affrontato con prudenza questo giro, perchè ho la sensazione che non sarà l’ultima, e questa volta proprio non vorrei tirarmi indietro.

Alla prossima

Il canto delle sireneultima modifica: 2007-11-08T16:35:00+01:00da pandanilo
Reposta per primo quest’articolo