In bocca al lupo, Idrisi!

Oggi infilo le scarpe in pausa pranzo e vado in pista ad Arco. E’ mercoledi, il giorno delle ripetute, ma ho voglia di fare qualcosa di diverso. Ne ho parlato con il mio vecchio allenatore e amico di vecchia data, Ciro, e provo dunque a fare un allenamento a scaletta.

Mentre mi riscaldo osservo un ragazzo in pista che corre, corre, corre. A ritmo sostenuto, sì, ma non impressiona. E’ sciolto e costante.

Io sono pronto ed eseguo il mio di allenamento, che segnerà un 1000 a 3’42” (recupero 1’30”), un 800 a 2’56” (recupero 2′), un 600 a 2’08” (recupero 2’30”), un 400 in 1’15” (recupero 2’30”), e un 200 in 35″. Alla fine il mio cuore segna 160 bpm, non male, visto lo sforzo anaerobico mediatamente intenso.

Nel rettilineo finale del 400 mi succede di affiancare il ragazzo che corre corre corre. Faccio fatica a superarlo, ma nel finale lo prendo e lo sopravanzo leggermente. Faccio due conti sul mio tempo e ricavo il suo ritmo e… cavolo… il ragazzo che corre corre e corre, stava andando a poco più di 3’/km. E daun bel po’. Non sembrava. Il suo passo è sciolto, non contratto, costante, ma veloce.

Finisce insieme a me il suo allenamento e così chiacchieriamo un po’. “Che lavoro hai fatto?” gli chiedo. Mi risponde: ho fatto un 3×5000″ a 16’40”, 16’30”, 16’20”. “Ah… però!!!  Stai preparando qualche gara?” “Sì, la mia prima maratona, forse Treviso.” Ha un pb di 1:04′ sulla mezza, ottenuto 3 anni fa in Marocco, e dopo un lungo infortunio, ora, a 29 anni proverà l’esordio in maratona.

Segnatevi questo nome, se non ho capito male si chiama IDRISI. Prima di salutarci mi raccomanda con modi cordiali e sinceri “fai le cose con calma, con tanta tanta calma. La velocità verrà col tempo.”

E’ un ragazzo umile, Idrisi, gentilissimo e pacato. Uno sportivo, con la S maiuscola. E scommetto che a Treviso potrebbe scendere sotto le 2:15′. Lo meriterebbe. Gielo auguro. Segnatevi il suo nome, a marzo verificheremo il suo risultato.

Alla prossima

In bocca al lupo, Idrisi!ultima modifica: 2007-11-28T21:15:00+01:00da pandanilo
Reposta per primo quest’articolo

6 pensieri su “In bocca al lupo, Idrisi!

  1. Ciao Danilo
    questa storia, molto bella, mi mette purtroppo molta tristezza. Idrisi è per me l’immagine del mio vecchio amico Hassan. Somalo, scappato in Italia a causa della guerra, aveva cominciato a correre e ci allenavamo assieme. Era fortissimo, gentilissimo e di un’ospitalità da noi spesso dimenticata.
    Un giorno dovette tornare in Somalia; suo padre era morto e lui doveva tornare per problemi con la successione.
    Non ho mai saputo bene cosa è successo. L’unica cosa certa è che una fazione di “signori della guerra” lo hanno preso all’aeroporto, appena atterrato.
    Da allora non se ne sa più nulla. O, meglio, preferisco immaginarmi che le cose non siano andate nel modo in cui le ho sentite narrate.
    Buonanotte e in bocca in lupo Idrisi. Con tutto il cuore.
    Lo Zio

  2. Zio, in bocca al lupo anche ad Hassan e atutti gli sportivi veri come loro. Ovunque sia, sono certo che stia correndo felice. Almeno lo spero.

  3. Speriamo che stia bene.

    Questa sera (venerdì) ascesa al Bollettone.
    Danilo vuoi unirti alla notturna?
    ciao
    Mirco

  4. Urca come ti alleni con giudizio; belle storie, altro che quei discorsi che si sentono spesso alle gare, sugli africani che rubano i premi.

    ciao belli

  5. Zio, la notte è fatta per dormire….non per correre. Hai fatto bene a non andarci.
    😉
    per la gara del 16/12, francamenet mi ispira di più il cross di Arcore. Tu, cosa hai deciso?Riusciamo a correre insieme o no?Nicola, l’invito vale anche per te. Cosa fai?

    P.s.: Il miglio ci aspetta!!!
    😉

    Panda

I commenti sono chiusi.