Prosa o poesia

Spero non si offenda, l’amico Nicola Pellizzari, se estraggo dal suo articolo relativo ad una gara di cross solo il pezzo che più mi ha colpito, che meglio rappresenta l’animo con cui mi accingo quasi ogni giorno a pubblicare post e leggere commenti sul mio personale blog. Personale sì, ma con il grande piacere della condivisione delle esperienze con chi ha la mia stessa passione. La corsa. Buona lettura:

 

[…] e poi c’è la tattica di gara che non puoi sbagliare, il passo da allungare o accorciare ogni volta, la forza delle grida dei tifosi di gruppo, la sfida ravvicinata con gli amici; un’infinità di elementi che condizionano la gara e spostano gli equilibri dell’asfalto. Ho visto atleti veloci camminare sull’ultima salita, salti sbagliati nel cambio direzione (io…), recuperi di 10″ in 200 metri, volate impensabili nelle retrovie. I miei garretti sono ancora doloranti, ma lunedì mattina, per strada e poi in ufficio, prendevo ancora le curve al pelo, azzardavo sorpassi ai colleghi e pensavo che nessuno di loro sapeva dove mi trovavo qualche ora prima perché non è roba per loro e tanto vale tenerla per me e un po’ per te che stai leggendo. […]

 

Bravo Nicola. E complimenti. E per chi avesse desiderio di leggerlo tutto, il suo articolo è qui: http://www.podisti.org/webzine/index.php?option=com_content&task=view&id=11150&Itemid=481

Alla prossima

Prosa o poesiaultima modifica: 2007-12-12T10:05:00+01:00da pandanilo
Reposta per primo quest’articolo

7 pensieri su “Prosa o poesia

  1. Grande! La % di forma aumenta!
    Se non ci si sente più…Buon Natale e buone feste a voi tutti!

    @Panda: buon viaggio e buon “test” con Ciro…..per il banner…abbi pazienza andrà a gennaio….ho il PC di casa in ri-allestimento.
    Ciao, Lo Zio

I commenti sono chiusi.