Il dubbio

7077cb882449908ecffc22821d2391b5.jpg

Prima della seduta odierna, avevo una certezza e una speranza. La certezza era legata al fatto che l’esito della seduta non poteva che essere o chiaramente negativo (tempi peggiori di quelli previsti in tabella, o chiaramente positivo (tempi in linea o anche meglio dei tempi previsti in tabella). La speranza era invece legata al fatto che dopo la buona seduta di ieri, nonostante l’utilizzo di chiodate, pareva non ci fossero segni e e dolori sui miei tendini, e le sensazioni generali stamattina erano decisamente buone. 

Ma mai e poi mai potevo immaginare di terminare la seduta di allenamento di oggi con un dubbio: non so davvero come interpretare i risultati appena ottenuti. Mi spiego meglio.

Oggi la tabella prevedeva: 600 in 1’45” (recupero 10’30”); 2 x300 in 43″ (recupero 9′); 4×150 in 21″ (recupero 6′).

Inizio a scaldarmi sotto una pioggia insistente e avverto dolori diffusi ai tendini, al gluteo sinistro e dietro la coscia sinistra (mmah!!, fino a stamattina sembrava tutto a posto…) poi mi decido, e parto per il 600. Faccio troppo lentamente la prima parte, un po’ per prudenza e  un po’ per distrazione, ma accelero e chiudo in spinta in 1’48”: mannaggia, occasione sprecata!!! ero convinto che potevo fare molto meglio, ma tra dolori diffusi e gambe pesanti questo è!  Poi eseguo i 300 in 46″3 e 46″5, che vuol dire averli fatti lenti … e che fatica!!! Gambe sofferenti, pesanti e movimenti “impastati”. E, soprattutto, molta difficoltà a recuperare lo sforzo della ripetuta appena terminta, prima di afforntare la successiva.

Ma la musica cambia completamente, e in meglio, quando in realtà tutto doveva peggiorare. Mi appresto a eseguire le 4 ripetute da 150mt. Con grossa sorpresa, mi sento improvvisamnete bene, sciolto, le gambe girano che è una bellezza ed eseguo le prime 3 ripetute in crescendo, con sensazioni che migliorano attimo dopo attimo: i tempi sono 22″10, 21″34, 20″51. Ma è tardissimo e devo fermarmi perchè devo rientrare in ufficio, purtroppo sono costretto a saltare la quarta e ultima ripetuta e non riuscirò neanche a fare la doccia per mancanza di tempo. Peccato perchè sono certo che avrei potuto continuare la progressione dei tempi.

Ma mi chiedo, come è possibile che abbia finito in freschezza, in una seduta di lattacido di quantità, pergiunta alla fine della seconda settimana di carico, soprattutto dopo un inizio con un 600 e due 300 tutt’altro che entusiasmanti? Come devo interpretare l’esito di questa seduta? La freschezza è venuta furoi quando dovevo essere sommerso dalla pesantezza e dalla stanchezza. Come si spiega questo? Boh….

Non mi resta che telefonare a Ciro, e chiedere a lui.

Intanto “scaldo” la telecamera, domenica tutti al parco di Monza per il mitico Campionato Sociale dei Gamber. Si preannunciano fuochi d’artificio e spettacoli vari.

Alla prossima

 

 

Il dubbioultima modifica: 2008-04-11T15:05:00+02:00da pandanilo
Reposta per primo quest’articolo