Novara bagnata

 

Immag001.jpg

A Novara, il 150mt era un test più che una gara, mentre il 300 non lo faccio nemmeno, pur essendomi iscritto.

Pioggerellina tutto il giorno, chi ne becca di più chi di meno, ma la pista è dura e bagnata.

Da due giorni un risentimento muscolare dietro la coscia mi preoccupa e non sono sicuro di riuscrire a gareggiare. Ma a Novara ci vado lo stesso, col Levriero, che farà il suo PB sui 3000 in 10’14”, tra campioni europei (Mario Scapini) ed altri che corrono sotto i 9′.

Mi scaldo, e il dolorino c’è solo in alcune andature, poi con le chiodate non sembra inficiare la corsa, quindi parto.

Sono in terza serie sulle 7 previste, Salvino in quinta corsia, io in sesta (avrei preferito il contrario per avere un riferimento noto).

L’obiettivo è di stare sui 18″bassi. parto credo decentemente, all’uscita dalla curva Salvino mi raggiunge e sopravanza sui primi metri del rettilineo. All’arrivo taglierà per primo il traguardo, al fotofinish con un regazzino, in un probabile 17″90 circa, io gli sto 2 metri dietro, con un 18″50, presumibile.

Già, probabile e presumibile, perchè all’arrivo scopriamo che le fotocellule per un problema tecnico non hanno funzionato. Ricostruiamo così i tempi in modo solamente spannometrico, confrontandoci con qualche crono manuale, ma non v’è certezza. La FIDAL ci propone di rifarla, accettano solo in 2 atleti, il primo chiouderà in 18″16.

Io sono stanchino e ho le gambe un po’ durette, quindi rinuncio al 300, per non approfittare della buona sorte che oggi mi ha comunque permesso di correre, senza farmi male.

Ripensandoci, nell’ultimo anno 5 gare, di cui 4 con pioggia.

Da domani si ricomincia col carico.

 

Alla prossima

Novara bagnataultima modifica: 2009-04-19T21:48:00+02:00da pandanilo
Reposta per primo quest’articolo

3 pensieri su “Novara bagnata

  1. AL di là di tutto……restando in ambito visivo: ma hai la maglia in tonalità mimetuca con l’erba sullo sfondo??
    Spetacolo!!

Lascia un commento