Chiacchere da bar o promesse da marinaio?

Vediamo di fare il punto della situazione con 4 chiacchiere, visto che di corsa in buona sostanza ne vedrò pochina questo mese.

Il 2010 è la terza stagione in cui proverò ad avvicinare il mio PB sui 400mt: 51″8 OTTENUTO circa 12 ANNI FA! Avevo 24 anni, nel 2010 ne avrò 36.

Nella stagione 2008, quando ho ripreso a calpestare il tartan dopo tanti anni di lontananza dall’atletica, un test mi diceva 58″6 e, alla fine della stagione, dopo aver seguito le tabelle telefoniche di Ciro, scendevo appena sotto i 55″. La stagione fu caratterizzata da un infortunio al gluteo sinistro e noie al tendine della gamba destra.

Più o meno lo stesso è accaduto nel 2009, quando per metà stagione ho impostato le mie sedute con metodologia fai da te l’altra metà ho fatto dei pasticci ascoltando un po’ me, un po’ Ciro, un po’ Raffaele. Ho migliorato un po’ tutti i personali dell’anno precedente sulle distanze inferiori ai 400mt, ma non accenno a migliorare il personale più importante, quello sul GIRO. La famigerata paura della gara è un po’ superata (grosso passo in avanti, questo!), per cui adesso, appena sarà passato l’infortunio modesto al gluteo sinistro e al bicipite femorale sinistro (sì, anche quest’anno lo stesso infortunio!), in buona sostanza, SCUSE NON NE HO PIU’.

E allora dichiaro a me stesso che da quest’autunno, quando inizierò la nuova stagione, avrò un unico obiettivo: tentare di eguagliare il mio PB di 51″8 sui 400mt.

Lo farò dando credito al 100% a Raffaele, allenandomi 4-5 volte  a settimana, non tralasciando alcun particolare (alimentazione compresa). E vorrei che fosse l’ultimo appello. Non dovessi riuscirci neanche quest’anno, credo che dovrò accettare quel che Ciro sostiene da tempo: non hai più l’età!, o quel che sostiene Mimmo: non c’hai più la capa, la spensieratezza necessaria!

Io la capa invece credo di averla, non proprio spensierata, ma tosta sì.

Per inseguire un sogno, per  non sentirmi vecchio, per sentirmi vivo, perchè amo le sfide, soprattutto con me stesso.

Chi vivrà vedrà…

 

Alla prossima

Chiacchere da bar o promesse da marinaio?ultima modifica: 2009-09-07T10:01:00+02:00da pandanilo
Reposta per primo quest’articolo

18 pensieri su “Chiacchere da bar o promesse da marinaio?

  1. Macchè vecchio hai pure un anno meno di me ….ma pensa credevo fossimo tutti e 2 del 73 :-))

    Ma vorresti già farlo in autunno ? 51.8 è un tempone credo serva una preparazione invernale come si deve soprattutto per non infortunarsi …..

    Io dico che puoi farcela ….

  2. 16 ottobre del 73, esatto!
    in autunno riprendo a correre bene (spero) se mi passa (come pare stia passando) il noioso infortunio.

  3. Hehehehehehe…visto che gli anziani stimolano?
    Avrà ragione Ciro? Mimmo? Tu? Sai che ti dico…..chemmeffrega….basta che tu stia bene, sia felice e se dev’essere destino sarà.
    Tra un po’ comincerà a fare buio presto, magari scenderanno le prime nebbioline a coprire i tetti, le vie saranno illuminate dalle luci delle vetrine, rimetteremo le maglie calde e… torneremo ad impossessarci del nostro centro.
    Quei pochi per strada ci guarderanno pensando: “guarda questi due scemi”…non sapendo che gli scemi sono loro.
    Una volta alla settimana, tutte le settimane…comincia a prometterti questo, il 2010 è ancora lontano.
    Cucu

  4. AnziamoMax, così mi piaci!
    :-)))
    e quando vuoi ci mangiamo insieme una bella pizza al Tegamino!
    ovviamente col pomodoro!
    😉

  5. Nhananananaa!

    Voi siete vecchietti, io son un ragazzetto!

    Ahaaargh!
    Ma son un rottame!

    Danì: oggi son zoppo!!! Colpa dei Munacielli!!!!?????

    Ben mi sta!

    Lo Zio

  6. come zoppo? ieri stavi bene, non corri e ti sveglio rotto?
    … non v’è diubbio: certo che è colpa dei “munacielli del sentiero”!

  7. Danilo andiamo a tapasciare!!!
    Ho scoperto che sono l’unica persona al mondo che pur correndo (poco e male ma comunque correndo), quando torna dalla piscina ha le gambe doloranti!
    L’ho sempre detto: altro che il nuoto preserva, non stressa l’oganismo ecc…
    ci facciamo una bella tapasciata insieme e vedrai che i dolori passano!

  8. Uè Panda, che leggo!
    Serve un pò di potenziamento della catena posteriore!!! (Salite? Salite? Salite?).
    Poi ci sono centinaia di esempi di persone tornate a correre dopo decenni che si sono confermate su tempi anche migliori del passato. 51″8 lo fai… però la velocità (e ti consiglio, se mi permetti) è una strada lunga che dura anche diverse stagioni prima di arrivare al top.
    Non castrarti tutte le fibre veloci con lavori da stradaiolo: aumentano solo i tempi di velocizzazione… Per dirti: pensa che sono arrivato all’estremo: non mi scaldo neppure più. Inizio con gli allunghi e poi passo alle andature. La Velocità (e i 400 sono una gara di velocità) si crea solo con la velocità. E basta. Dai Panda!!!

  9. Andrea caro, ho letto nel forum che ti stai dando … all’astinenza totale da corsa lenta e riscaldamento…supersalvino insegna!
    😉
    grazie come al solito del tuo incoraggiamento! ma il mio problema è che quando inzio a milgiorare la velocità mi faccio male: è accaduto nel 2008 e nel 2009…ma è un problema di esperienza, nel senso che non conosco bene i messaggi del mio corpo e li sottovoaluto.
    Un giorno mi dirai dove fai i massaggi con la tecar, anche se spero di non averne bisogno nel 2010!

  10. Guarda, la tecar la faccio in maniera preventiva, più che curativa. Allunga proprio la catena posteriore della muscolatura: ionizza e quindi vascolarizza quelle fibre che nemmeno un massaggio profondo riescono a raggiungere…
    Sugli infortuni, se ti capitano proprio quando fai velocità, penso sia la cosa più normale di questo mondo: se i tuoi allenamenti tendono a favorire le fibre intermedie e quelle lente, quando utilizzi quelle bianche (e aumenta la velocità di contrazione) è logico che qualcuna di queste salti:
    Pensa ad una scarica elettrica. I lavori veloci sono come una scarica da 3000 volt somministrata in una sola tranche. Quelli medi (tipo i 300…) sono scariche da 220 più ritmate e prolungate. I lavori lunghi sono le scariche da elettricità indotta…
    Se io nella manutenzione del mio circuito elettrico, continuo a mettere cavi per sostenere il voltaggio da 220, cosa accade quando gli tiro una pacca da 3000??
    Salta tutto.

    Devi condizionare i tuoi muscoli a correre veloce: e per farlo serve forza e tanta velocità.

  11. @Andrea: … difatti mi sono infortunato duranta dei 60mt appalla fatti per sfizio dopo un allenamento su molti 300 fatti all’80% circa
    @Max: se non mi passa subito ci vado eccome da Davide! devo andarci privatamente o con la mutua?mi mandi una mail per capire come prenotare? Many thanks!

Lascia un commento