Pit stop

Wave precision.jpg

 

Giorno di riposo dopo un nuovo anello conquistato nella lunga catena della riabilitazione. Compare un vecchio dolore del 2008 al polpaccio destro, proprio ora che sta sparendo il problema alla gamba sinsitra….e no…non ci sto!

E’ evidentemente ora di fare un pit-stop e  procedere col cambiare scarpe. Vado da CR Sport ad Arcore e dopo aver fatto la prova sul tapis e la m isurazione del piede, per 99 euro ecco le mie nuove Wave Precision. La scelta torna ancora sulle Mizuno, dopo aver provato recentemente Adidas, New Balance e Asics. Sono delle scarpe molto molto leggere, la tomaia è avvolgente e la suola mi sembra un giusto compromesso tra la protezione  e reattività. Oggi provo a prender confidenza acamminandoci, domani le proverò  in pista.

Alla prossima

Pit stopultima modifica: 2009-09-15T12:21:33+02:00da pandanilo
Reposta per primo quest’articolo

6 pensieri su “Pit stop

  1. Gasp!!!
    Stragasp!!!!
    Ultragasp!!!!!
    Ma le Mizuno Wave Precision sono categoria A3, massimo ammortizzamento, sono scarpe che usano i tapascioni per fare i lunghi e i lunghissimi……….
    Hihihihihihihihihi
    Bye bye pista!!!!!!
    Torna tra noi, lascia perdere……..
    Hihihihihihihihi

    P.s. mi spieghi perchè in questo “ridicolo blog di un pistaiolo che tanto non ce la fa” ogni tanto non si riesce a leggere quello che scrivi? Per esempio, a me, Primo giorno è una pagina tutta bianca. Non si aprono neanche i commenti.
    Tale blogger, tale blog.
    Cucu

  2. Mizzega Danilo se ti metti a vendere “dolori” diventi milionario!! :-))))

    Forse finalmente ti sei reso conto che devi correre dei lenti? Quelle scarpe sono perfette ……ammortizzate e pesanti al punto giusto!

    Aggiungi almeno 2 fondi lenti alla settimana (intorno ai 40 minuti) e vedrai che tutti quei dolori come minimo si dimezzano e ti aiuteranno ad eliminare tutte le tossine accumulate nei lavori di qualità.

  3. @tapabluffmax: non ricevi le mie mail, non veid le pagine del mio blog…avrai un antispamming contro di me…
    @lucky: non so, non so, ci sono teorie opposte in merito, sostenute da atleti altrettanto autorevoli…boh…per ora più di 20′ di fondo lento non riesco più a fare…se non soffrendo un bel po’

  4. Ha ragione il cucu-Max, clicco su “primo giorno” ed è tutto bianco e io sicuramente non ho l’antispam-panda.

    Quesito: ma le nuove Mizuno le usi in pista o per fare riscaldamento a bordo pista?
    Una volta ho provato a correre in pista con le scarpe che uso su strada (caratteristiche simili alle tue Mizuno) ed è stato un disastro. Come si fa a correre in pista con delle scarpe studiate per la strada? C’è un rimbalzo esagerato e i tendini non si divertono mica tanto.
    baci

    dubbiosa-Dani

  5. @Dani: è sempre belle leggerti qui dentro.
    per il post “primo giorno” provo a capire quale sia il problema (ce l’avete solo tu e Max…fossi in te mi preoccuperei :-)))
    Dani, in realtà non esistono scarpe specifiche da pista (a parte le chiodate). queste sono leggere, reattive e per me che sono un semi-pronatore (ma in pista quasi non appoggio il tallone) dovrebbero andar bene. Spero…

  6. Beh 20′ è già buono!

    Senti giovedì all’ora di pranzo che fai ? Io ho 40 minuti di fondo lento, ma posso andare presto a farlo poi vorrei provare qualche partenza in pista con i blocchi …sempre che me li prestino …..

    Non riesci a venire al XXV Aprile? O eventualmente anche al Giuriati (credo li abbiano i blocchi li)

    Mi fai sapere per email ?

    PS oggi penso di andare a prendere le chiodate…..

Lascia un commento