Arretràti

Il pc e la connessione ad internet sono stati poco disponibili negli ultimi giorni e il mio braccio è stato poco usabile, negli ultimi giorni. E così la seconda settimana è stata tutto un rincorrere il programma per non rimanere indietro con la corsa e con i racconti. Ora recupero tutto d’un fiato!

Venerdì sera seduta di potenziamento (quello che riesco a fare col braccio un po’ condizionante) e poi  accelerazioni 6x30mt, seguite da velocità tecnica 2×60 e 2×80, e il bicipite e il gluteo si smollano via via. Chiudo con un fratlek di 2km che corro in  8’23”.

Domenica mattina mi do molto da fare con una seduta di 2 ore basata su forza e velocità: ci sono  dentro 3×10 balzi a rana, 3×8 affondi, 4 monobalzi in buca, 4 balzi tripli e 4 quintupli; poi corro un 600 impegnativo in 1’49” – fatto di passaggi regolarissimi da 18″  sporchi ogni 100mt – e infine 2x3x100, media un filo sotto i 13″5, ma che fatica, resistere alla velocità curando la tecnica!

Stamattina dopo aver assistito ad un convegno al Politecnico, sono a due passi dal Giuriati e pur avendo dolori dappertutto per il potenziamento di ieri, vado in pista, che ci saranno 20°C. Sembro un robot, cammino tutto storto e corro peggio, ma dopo un abbondante riscaldamento eseguo  quanto previsto: 2×400 che corro in 1’14” e 1’12”, 2×300 in 51″8 e 52″7 e chiudo con uno solo dei 3×200 previsti, in  32″1. Dolori diffusi e un gran mal di testa mi riaccompagnano sotto la doccia e poi in ufficio.

Ma almeno ho iniziato la terza settimana di carico decentemente e di lunedì, e sensi di colpa non ne ho.

 

Alla prossima

 

Arretràtiultima modifica: 2009-10-26T16:08:00+01:00da pandanilo
Reposta per primo quest’articolo

2 pensieri su “Arretràti

  1. Caspita però tu vivi proprio con i dolori …
    Eppure ci deve essere un sistema per farteli passare …
    Non vorrei fossero ormai cronici …

Lascia un commento