Ingabbiato

IMG00048-20091009-1403.jpg

Temporale tra le 9,30 alle 10,30, guardo fuori dalla finestra e mando una mail perplesso a SuperLuckystrike. Oggi mi sa che nuotiamo più che correre. Invece poi il sole fa capolino e asciuga la pista, ma non l’aria, che rimane molto umida.Ore 12,30 monto in moto e mi fiondo sulla strada.

C’è anche Lorenzone al Giuriati, e i 2 minacciano di tirarmi il collo (e lo faranno): la mia seduta è simile alla loro, pe rcui, seppur con ritmi un po’ diversi ci alleniamo insieme tutti e 3, ed è sempre un gran piacere correre in compagnia di amici.

Buoni 10′ di riscaldamento, stretching, un po’ di tecnica, e un po’ di allunghi , in cui sento come al solito il bicipite pigro e legato, che pizzica sempre appena provo a strappare un filo di più del dovuto. Non ho molto tempo per convincerlo a seguirmi, e allora partiamo con un 500 che corro come da propositi in 1’30” netti, con buonissime sensazioni. Poi 8′ di recupero che forse sono anche troppi.

Proseguo e chiudo la seduta con 2x(3×200) recuperi 3’/6′. Li corro in 31″20-32″00-30″93, poi ancora in 31″73-33″10-31″33. Media complessiva sotto i 32″, va benissimo, forse un pelo troppo forte, ma sono passate più di 3 ore e non mi pare ancora di averne risentito.

Bravi sia Lucky che Lorenzo, che sulle stesse mie distanze mi arrivano diversi metri davanti, realizzando tempi e ritmi discreti. Sono in buona forma i due, ma abbiate pazienza, che tra un po’ arrivo anch’io.

😉

 

Alla prossima

E vai!

Non che sia proprio guarito e a questo punto non so neanche se guarirò mai del tutto, però cazzarola, oggi dopo aver fatto un po’ di velocità breve, anzi brevissima, posso finalmente dire … e vai!!!

Potenziamento, ostacoli, ostacolini, corsa circolare stretta, e poi accelerazioni. 4x30mt in 4″60-4″25-4″21-4″31, senza chiodate non è affatto male, con la gamba che mi dà solo una fastidiosa scossa elettrica ai primi passi, ma poi a muscolo disteso e decontratto va a posto da sè.

Chiudiamo la seduta in gruppo con altri 8 ragazzi in un cross di 2x500mt, da farsi in 1’50”, con recupero di 4′. Conduco il gruppetto con crono alla mano, ma mi lascio andare ad un 1’46” e poi 1’42” che davvero mi sembrava di passeggiare. Che soddisfazione poi vedere che i battiti dopo 1′ sono 120, abbondantemente sotto la media.

Domani sono tutto il giorno a Trento, ma venerdì con Lucky al Giuriati, clima permettendo, proverò a divertirmi su una seduta di potenza lattacida in compagnia. Non c’è cosa più bella di tornare a correre dopo un infortunio. Alè!

 

Alla prossima

Tabelline e calcoli

Ancora una manciata di giorni di prove gradualmente sempre più intense, per capire se la gamba c’è o non c’è, e se il fastidio è gestibile o meno,  per crescere di condizione, senza rischiare di far danni.

Tra sabato e lunedi quindi eseguo potenziamento inserendo qualcosina di nuovo anche per le gambe, come balzi in buca, glutei, esercizietti con cavigliere, affondi con bilanciere, ecc. Poi molta tecnica e skip variato (veloce-lento-veloce) poi ostacolini in skip e in corsa circolare stretta.

Ma la soddisfazione arriva dagli 80 fatti in progressione e rigorosamente senza chiodate, corsi in 11″44-11″11-11″03-11″12. nessun dolore ma solo un poco di fastidio al bicipite. E sensazioni molto gradevoli mentre corro in decontrazione.

Mi trattengo poi fino a tardi con Raffaele a commentare la tabella che mi ha preparato, su una base di 4-5 sedute a settimana. Da inziare a breve.

Tra le cose interessanti vedo che le salite ricominciano subito, anche un paio di volte a settimana, quelli dell’Orlanda sono avvisati. E con loro, chiunque ne abbia voglia.

 

Alla prossima

Quando il gatto non c’è

Raffaele non c’è stasera, è a Grosseto per seguire i suoi ragazzi in gara. Non tutti però sono a Grosseto, 3-4 ragazzi ci sono e allora, non avendo ricevuto indicazioni su cosa fare, seguo quello che devono far loro, che tanto sono ancora in una fase di limbo, di semiconvalescenza.

Tecnica, skip, calciata e passo galoppato, poi 3x60mt corsi metà in corsa balzata e metà in corsa circolare stretta, per chiudere con 2×300 in 47″5 e 44″9. Ottime sensazioni.Ne farei ancora uno di 300, da solo, ma preferisco non abusare.

Sono le 22,35, sento solo un leggerissimo fastidio al bicipite femorale e al gluteo, poca cosa, quasi trascurabile, ma meglio continuare con la magnetoterapia …  che a questo punto penso di poterlo dire ha davvero del prodigioso.


Alla prossima

Dolorini di stanchezza

Finalmente stamattina mi sono svegliato con i primi dolori da stanchezza. Dolori simmetrici, dovuti alla prima seduta decente del dopo(?) infortunio. A dire il vero un po’ il bicipite femorale sinistro pizzica ancora, ma dopo la magnetoterapia fatta ieri sera, stamattina va  già molto meglio. E, soprattutto, una volta scaldati bene i muscoli mi lascia finalmente correre, ‘sto bicipite, per fare capolino solo dopo la seduta.

Ieri sera mi ha permesso di fare questo:

-3x30mt skip

-4x50mt in corsa circolare stretta

-2x(4×200) rec.2’/5′, in 31″5-32″5

Ho sofferto un po’ il riadattarsi del cuore e dei polmoni – più che dei muscoli – a lavori di questo tipo un po’ dimenticati, ma il piacere della corsa priva di dolori mi ha lasciato una gradevolissima sensazione di fatica benefica.

Dalla settimana prossima dovrei ricevere il programma della preparazione invernale. Alè.

 

Alla prossima