Ostacoli(amo)

Ieri in pausa pranzo a Villsanta c’era un sole che era una goduria.

In pista ci sono solo io, ho tutto il tempo per godermi una seduta rilassandomi, peccato solo che le gambe siano un po’ provate dalle prove di forza del giorno prima. Ma ancora mi aspettano 3x40skip rapidi e soprattutto reattività tra gli ostacoli. Sei ostacoli di fila, da saltare tutti con rimbalzo prima e senza rimbalzo dopo, per quattro serie totali. Poi attacco con la velocità: progressivi sugli 80mt, 2×5 ripetute, recupero 1’30” e 6′. Nella prima serie faccio fatica a mettermi in  movimento, sembro arrugginito e i miei tempi vanno dai 12″2 agli 11″6. Poi metto le chiodate e le cose migliorano un po’, correndo da 11″4 a 10″5. Con la gradevole sensazione che in spinta maggiore e in un periodo di scarico si possa scendere agevolmente sotto i 10″. Ma per gli obiettivi che ho quest’anno, mi sembra davvero il minimo.

 

Alla prossima

Ostacoli(amo)ultima modifica: 2009-12-10T09:59:00+01:00da pandanilo
Reposta per primo quest’articolo

3 pensieri su “Ostacoli(amo)

  1. Quando ero alle medie scendere sotto i 10 era il tempo per vincere o cmq piazzarti …..
    Non ricordo esattamente il mio PB ma credo sia stato 9.89 …
    Facevo un sacco di 10 bassi …..e il giorno del “ragazzo più veloce di Milano” purtroppo non sono riuscito a scendere ….
    Vecchi tempi …..peccato aver mollato tutto subito ….

  2. @lucky: la velocità non la perdi definitivamente, se la coltivi credo dovresti ritrovarne una buona parte
    @nicola: hai ragione è un lusso, ma non capita spesso

Lascia un commento