Meno quattro

Sono da poco rientrato da Parigi, e martedi si parte per Foggia. Mancano 4 giorni al ricongiungimento con la mia mamma e il mio papà.

E così passerò nel giro di pochi giorni in un vortice di lingue, dal francese, all’italiano..al pugliese…e attraverso una serie di intrecci di storie, culture, emozioni, pensieri. Nel viaggio notturno di ritorno in treno da Parigi incontro e chiacchiero a lungo con Valentina, ragazza che 9 anni fa molla tutto per seguire il suo sogno, vivere nella regione dei castelli della Loira facendo la fotografa. E chiacchiero anche con un architetto francese di fama europea, che gira il mondo ma ama l’Italia (la sua prima moglie con figli e nipoti è qui) più della Francia (dove vive invece con la sua seconda famiglia).

Il treno somiglia alla corsa. Dinamico ma contemplativo.

Stamattina a Monza ci sono 4 gradi sotto lo zero, strade ghiacciate e pista innevata. Immacolata, per la precisione.

Sono da solo alle 11.30, quando traccio sulla neve spessa 3 cm, come se fosse sabbia, la riga che segna i 40 i 50 e i 60mt. E si parte dopo un bel riscaldamento con guanti e passamontagna, per fare 4 ripetute sulle 3 distanze. Ho voglia di correre, dopo 5 giorni di stop forzato. I ritmi sono piuttosto tranquilli nelle prime due ripetute, e vedo che  non si scivola ma si affonda dolcemente. Dopo aver montato i chiodi, nelle ultime due ripetute, si vola addirittura. Nell’ultima in particolare, arrivo a pochissimi centesimi di secondo da 3 bottiglie di Menabrea: 5″36 sui 40, 6″57 sui 50 e 7″46 sui 60. E nessuna prova era massimale! Il momento delle gare indoor si avvicina, e io inizio a fare pensieri strani.

 

Alla prossima

Meno quattroultima modifica: 2009-12-19T14:57:00+01:00da pandanilo
Reposta per primo quest’articolo

16 pensieri su “Meno quattro

  1. Manabrea? Ma che PB hai sui 50?
    Domani sarò anche io in pista, speriamo abbiano spalato 🙂
    Fortuna non devo fare quei ritmi ….
    Bentornato, ma praticamente arrivederci ….

  2. Ciao Lucky!
    In questa seconda vita i miei PB sono (in allenamneto, non in gara):
    3″99 sui 30
    5″23 sui 40
    6″53 sui 50
    7″18 sui 60
    9″52 sugli 80
    11″62 sui 100
    domani non apsettarti pista pulita…se non spalano gli atleti non spala nessuno. infatti ogggi ho spalato io, dopo l’allenamento (per evitare che si facesse ghiaccio) ma ho fatto potenziamento e mi sono pure divertito.
    😉
    P.s.. allora … a Parma (400 e 1500 indoor) andiamo davvero o no? dai che ci portiamo dietro lo zio e il levriero…

  3. Parma? Che bello! Dai, dai….io non vengo di certo però……portatemi indietro un bel culatello!!!
    Dai Pandì, che l’è ura de turnà a cà tua…su, su, va foeura di ball……
    🙂 🙂 🙂 🙂 🙂
    Cucu settete…

  4. @Califfo: pugliesi di dove? le gare a parma sono il 30 gennaio
    @Zio de B: una “scappatella” in pista ogni tanto secondo me ti fa bene anche all’ “amore” per cross e montagna. e poi 1500 ti velocizza un po’… dai che dobbiamo convincere solo il levriero ora, e andiamo a fare un bel quartetto … magari proviamo anchea coinvolgere le famiglie e mangiamo tutti lì.
    @Golosomax: se conosco i miei polli ….ti sei divertito pure tu sulla neve ieri al parco … nevvero? 🙂

  5. provincia di lecce.
    circa parma… le indoor con quelle pistine strette sono tutta un’altra cosa… e poi lucky dovrebbe usare le chiodate anzitempo (se i jamaicani le mettono solo ad aprile ci sarà una ragione…)… si vedrà.

  6. @califfo: gran provincia il salento! se si va a parma si va soprattutto per divertirsi su una cosa nuova (le indoor) e spezzare la monotonia della preparazione invernale, sarebbe una cosa senza impegno…potrebbe anche fare a meno delle chiodate. ma fate vobis.

  7. non riesco a immaginarli i PB su distanze così brevi …
    Te l’ho chiesto perchè quando faccio gli sprint sui 50 faccio 7 basso o 6 alto (6 alto è 6.90 circa) …ma in effetti tra 6.90 e 6.53 c’è un abisso su distanza così breve….però non ho mai fatto un 50 a tutta …forse potrei fare 6.70 ….boh…..

    Sulle indoor sono curioso …un 1.500 impossibile …un 400 bisogna sentire il Mister anche se 2 giri da 200 …mmm…non è che mi attrae molto …però …boh …..non ho mai corso su piste indoor….(magari facciamo una macchinata e vengo a tifare e farmi esperienza)….

    Oggi il XXV Aprile era innevato …che nervi …ho corso sotto casa…..stasera metto il post, ma sono abbastanza contento. Tra gelo (-8) e congestione post cena aziendale mi è andata mooolto bene :-)))

  8. no Lucky infatti a te proponevo parma solo per il 1500, il 400 era per me perchè in lombardia non ci sono anelli, quindi se non vai fuori regione l’alternativa (indoor) per me è un 60 e basta, ma avrei paura di svegliare il can (gluteo) che dorme…e per te l’alternativa è niente gare in pista prima della primavera.

  9. @Lucky: P.s. a proposito di 50mt, Surin (non so se lo ricordi, un ex atleta nazionale canadese ora 45enne, che a suo tempo ha partecipato credo ad un paio di mondiali) ha appena fatto il record nazionale indoor di categoria in 6″15. Quindi se tu corri in 6″90 senza esserti di recente dedicato alla velocità (e senza chiodate), forse hai un bel talento che dovresti risvegliare…o mi sbaglio Califfo?
    😉

  10. Uh? No, Danì. Acqua acqua.
    La faccenda degli amori è molto più a monte.
    Una passione è la corsa. L’altra…bhe, penso immagini….è un po’ più “artistica”.

    Il problema è che devo purè dormì……’naggia…….

Lascia un commento