Chiavicus

E’ partita la nuova settimana di carico, ne seguirà ancora una e poi sarà scarico, finalmente con un bel test. A scelta tra diverse opzioni, come alcuni 100 e 200 con passaggi gara e un 400 dopo 15′ di recupero, oppure 2×300 e un 250, oppure – mi pare di ricordare – un 300, un 200 e un 100. Ma c’è anche un’ultima opzione che Raffaele mi propone e questa sceglierò: fare 4×200 con 6′ di recupero. E, conoscendomi, da oggi in poi andrò a dormire col pensiero fisso a questo test. Non vedo l’ora di verificare il mio stato di salute.

Intanto però stasera c’è una seduta di capacità lattacida basata su 2x3x300, da correre tendenzialmente all’80% e magari l’ultima ripetuta di ciascuna serie all’85%. I recuperi 4′ e 8′. Dovrebbe seguire corsa balzata 4x50mt, ma il fastidio al gluteo dx e al bicipite dx mi fa desistere dal forzare la sorte. Per di più pioviggina e l’umidità non mi aiuta.

I tempi che ottengo sono: 50″81-49″82-46″89 e poi 48″33-49″17-48″01. Arrivo però piuttosto provato alla fine della seduta. E’ il terzo giorno di seguito e le sedute di ieri e l’altro ieri non erano neanche leggère…

Raffaele, per la cronaca, mi segnala un po’ di cose:

a) corri portando troppo alto il ginocchio, così facendo “sblocchi” la gamba dietro e corri “seduto”

b) atterri troppo con l’avampiede, questo ti porta a “bloccare” il ginocchio in fase di atterraggio e quindi non spingi come dovresti,  addirittura fai una sorta di azione frenante

c) a proposito…le salite lunghe di ieri non c’entravano niente col programma …

Insomma, come direbbe la mia principessa quel che probabilmente avrebbe voluto, in sintesi dirmi è: sì ‘na chiavica!!!

 

Alla prossima

 


Chiavicusultima modifica: 2010-02-22T19:39:00+01:00da pandanilo
Reposta per primo quest’articolo

3 pensieri su “Chiavicus

  1. boh. almeno dal video non mi pare che il ginocchio lo alzi tanto, cosi come alzi poco le mani (le 2 cose sono collegate)… così come il gomito dietro si alza poco… insomma dovresti lavorare l’articolazione della spalla.
    la falcata troppo ampia e poco frequente può portarti ad atterare troppo avanti al centro di gravità e danneggiare femorali e glutei.

  2. non te ne passa una!
    ti dirò …meno male che il califfo è in brasile altrimenti ad essere ripreso finisco per sbroccare :-))

    Meglio autodidatta 🙂

    A me cmq non sembra che corri male però devo dire che mi ha colpito la bassa frequenza dei passi …sembra davvero che non forzi ….

  3. @califfo: sì, le spallle sono un altro mio punto debole…tra i tanti… 🙁
    @lucky: devo lavorare sulla frequenza, sì sì

Lascia un commento