Capra

Altro che Panda.

Una capra, sono. E sto cercando un capro, espiatorio … ma non l’ho ancora trovato. Non ci sono alibi, come per il Milan di ieri sera contro il Manchester.

Ma partiamo dal principio.

Stamattina sono sulla A4 per andare a Padova, quando mi raggiunge una telefonata di una collega che mi dice l’appuntamento è saltato, la tipa che dovevamo incontrare ha la febbre…mi spiace… Poco male, penso. Dietrofront e si torna in ufficio a Milano…Anche se…quasi quasi…ma sì, approfitto della pausa pranzo per fare il mio bel test: 4x200mt, recupero 6’30”.

Son quattro giorni che non corro, ho glutei e bicipiti femorali indolenziti, dalla seduta di domenica scorsa. Ci sono 2°C, ma dopo il riscaldamento sento che i dolori probabilmente non influiranno sulla mia prestazione. Non sarò al 100%, certo,  ma le sensazioni non sono bruttissime. Ops…un attacco improvviso di cagotto, sarà l’emozione…no, non mi pare…comunque scappo in bagno per la sosta tecnica.

Al rientro in pista, alleggerito ben bene, faccio qualche accelerazione sui 30mt in 4″20 circa, senza strafare, e dopo 5′ sono al via per i 200mt.

Il primo lo corro, un filo controllato, con sensazioni … un po’ strane, come se i muscoli fossero un po’ arravogliati (aggrovigliati!, ndt), ma non mi sembra un cattivo 200. Invece eggo il crono e trovo un brutto 26″50. Cazzarola, che schifo! E io che volevo provare a fare media 25″-25″50. Vabbè, è ancora il primo dei quattro, forse ero ancora freddo.

Passiamo al secondo 200, in cui mi risparmio meno, e all’arrivo leggo 25″99. Le sensazioni migliorano, ma ho come l’impressione di avere poca forza rispetto al solito. Sarà il freddo? Sarà che da alcuni giorni dormo poco e male? mah…non saprei…ma non direi possa esser questo il motivo…

Terzo 200: bene la prima parte ma segno un pessimo 26″62, con difficoltà a rimanere composto nel finale, per la stanchezza. E al traguardo ho conati di vomito, gambe molli e acido lattico in circolo a manetta. Il battito, dopo 5′, non scende sotto i 125, mentre dopo la prima e la seconda ripetuta era sceso sotto i 100.

E’ un segnale inequivocabile. Sono alla frutta. E arrivare a fare la quarta ripetuta non aggiunge nulla al mio test. Casomai aumenta il rischio di infortunio. La verifica ha sancito che sono una capra, come a scuola quando canni l’esame. Non ci sono alibi, non ci sono capri espiatori. Via negli spogliatoi, deluso come poche volte.

Il morale è sotto il culo.

 

Alla prossima

Capraultima modifica: 2010-03-11T13:40:00+01:00da pandanilo
Reposta per primo quest’articolo

14 pensieri su “Capra

  1. Ma no, secondo me invece è tutto giusto e semplice.

    E’ il solito discorso del lupo, capra e cavoli sulla riva del fiume. Porti la capra e resta il lupo col cavolo. Che non se ne fa un cavolo. Però se porti il cavolo il lupo mangia la capra, a meno che la capra corra più forte del lupo.
    In tal caso la capra smette di essere una capra e il cavolo non c’entra più uin cavolo. Così tu torni, pigli il lupo che ha il fiato corto, lo porti dal cavolo e ripigli di corsa la capra, che (non avendo più visto il lupo) si sta facendo delle ripetute sui 150.
    La pigli nel recupero in supplex poi torni da cavoloe lupo, quando scopri con orrore che era un cavolo cannibale e del lupo resta solo qualche pelo.

    Alla fine scappi con la capra, che nel frattepo ha recuperato e fate un 400 in 51.

    Visto? La capra è di buon auspicio.

    Se passa Mirco te lo confermerà

  2. Mah io credo più nel freddo e nell’appuntamento saltato. Il cagozzo è venuto perchè non te l’aspettavi e sono allenamenti da preparare soprattutto mentalmente.

    Io ne so qualcosa che ho rinviato a domani un allenamento chiave e sto cercando di entrare nell’ottica dell’orario del cazzo in cui lo correrò per via di un meeting …..

    Quindi non prendertela più di tanto ….per andare a certi ritmi secondo me occorre anche molta preparazione psicologica e anche un pochettino più di caldo …..

  3. @lucky: non sono normali i ritmi così alto di oggi!!!
    l’anno scorso ad esempio un 200 in 25 l’ho corso diverse volte tra cui:
    a) dopo aver fatto 2×300 in 40″…
    b) e il quinto un 5×200 in media 26
    c) dopo aver fatto 3x(300+150), in cui il 300 in 45″ eil 200 in 28″
    oggi dovevo fare 25″5 … quasi ad occhi chiusi

    mi consola solo che stasrea ho un gran mal di schiena…vuol dire che ero rigido già oggi, non ero molto elastico quindi le gambe non andavano un cazzo!

  4. Vedi? C’è sempre un motivo! Non puoi pensare di essere diventato di colpo lento. E cmq anche qs tempo del cavolo incide.
    E poi dai il morale sotto il culo è ancora alto! Non è ancora arrivato sotto i tacchi 😉
    Speriamo nel sole, domani….

  5. e dai, non rompere!
    e poi te l’ho detto che sti test sono inutili… l’anno scorso facevi grandi test e poi in gara?
    comunque, i velocisti (loro) fanno un warm up di 1 ora…

  6. @lucky, califfo: stamattina sono rigido come un tronchetto della (in)felicità …pieno di dolori al bacino, glutei, lombari e anche, bicipiti femorali…ho paura che le ernie mi stiano presentando il conto…di tanto in tanto lo fanno

    non mi piace, spero di non rimanere del tutto bloccato per una settimana come successo un po’ di anni fa

  7. Evviva i CALENDARI !!
    Con il PANDA in queste condizioni LO SFIDO UFFICIALMENTE sul suo terreno :-))))) scherzo naturalmente…..

    Cazzo io invece sto benissimo, dopo lo specifico di stamattina ero talmente stanco da essere STORTO ….ma dopo la doccia….sono come nuovo …..

    Ma tu fai riscaldamenti lunghi ? Io sto 45 minuti prima di iniziare…..

  8. non molto ,lucky, se va bene al massimo 15′-20′ compresi quelli che voi chiamate drills. giacomantonio e salvino anche meno

  9. @lucky: in questo periodo mi sfidi sul mio terreno? uccidi un uomo morto…
    🙁

    stamattina vado in pista a vedere come sto…anche se le premesse non sono affatto buone. mi fanno male braccia, schiena e gambe
    soprattutto sono molto fiacco
    boh…

  10. Credo che chi fa poco riscaldamento rischi cmq dolori a meno di essere dei talenti pazzeschi….
    Vieni domattina al XXV Aprile che facciamo velocità, poi ho le ripetute in salita altrimenti venivo io da te

Lascia un commento