In chiodato

500 più 500.

I primi sono i km fatti in moto dalle 6,30 di stamattina per arrivare a Trento e ritornare, gli altri sono i metri fatti sul tartan devastato del campo XXV aprile di Milano, al ritorno dal viaggio in moto, con una tavoletta di cioccolato fondente nello stomaco per reggere il colpo, innaffiata progressivamente da un litrozzo di acqua mixata con i sali minerali di deacathlon, gusto arancia. Poi si fa anche un 300, dopo 15′ dal 500.

La prima prova è impostata con i primi 200 tranquilli in 35″ e poi piuttosto appalla fino alla fine, con finale di 1’20”, tondo tondo. Segue il 300 in compagnia di Lucky, in 43″29. Direi che è andata meglio della seduta simile fatta la settimana scorsa.

I tendini e i periosti sono un pochino infiammati, a causa delle ultime sedute tutte corse quasi sempre con i chiodi.

Peccato solo non esser riusciti a gfare una seduta col quattrocentista Frederic, che oggi però faceva velocitò (io ho già dato ieri sera).

Ora però si riposa. Fino a martedì poco o niente. L’impegno più gravoso a dire il vero sarà domattina, con la temibile granfondo di Serravalle, specialità per sole donne, con l’obiettivo presumibilmente sotto le 8 ore (…spero non di più!), per cercare l’abito per la principessa, chè a fine giugno si sposa sua cugina.

 

Alla prossima

In chiodatoultima modifica: 2010-05-21T17:38:00+02:00da pandanilo
Reposta per primo quest’articolo

3 pensieri su “In chiodato

Lascia un commento