Fino in fondo

Speravo di riposare oggi, dopo aver fatto 2 gare in 3 giorni.

Invece Raffaele mi dice di allenarmi oggi, domani, lunedi e martedì, prima del GIRO dell’Arena previsto giovedì prossimo, 3 giugno, in cui cercherò di migliorare il mio PB per presentarmi a Roma l’11 in condizioni quanto meno dignitose.

Immagino mi aspettino comunque sedute leggerine … invece oggi mi propone:

– velocità: 4×80 in progressione

– resistenza lattacida: 800+400+3×300 (l’ultimo un po’ più veloce)

Immagino stia scherzando, tutti i miei compagni d’allenamento (i regazzini) se la sghignazzano prendendosi bonariamente gioco di me…e invece non è uno scherzo! La seduta da fare oggi è proprio questa! Rimango perplesso … ma poi ripenso al nostro patto di inizio stagione: Raffaele…nel 2010 ti seguo fino in fondo…faccio quel che mi dici di fare … e vediamo cosa ne viene fuori…

Ho però un po’ di periostite stasera, e allora di 80mt ne faccio 3 anzichè 4, tra gli 11″ netti e i 10″ alti, con 3′ di recupero.

L’800 lo corro – con non poca fatica – in 2’39”. Dopo 6′ corro il 400 in 1’12” e dopo 6′ ancora, corro la tripleta dei 300 con 4′ di recupero, in 51″10, 51″20 e 47″01. Non mi sembra poi di essere andato così tanto in crisi, e la seduta l’ho portata a termine con i tempi che mi aveva chiesto il coach. Con la soddisfazione di aver mantenuto compostezza di corsa fino all’ultimo metro, in ogni distanza e ad ogni ritmo. E mentre scrivo, devo dire che le gambe, con mia sorpresa, non le sento poi neanche tanto appesantite. Vuoi vedere che sto entrando in forma?!

Immagino allora che però – cazzarola – almeno domani mi aspetti poca roba…ehhh, come no!?

Alle 15 a Villasanta domani mi tocca un 500 da stare sotto l’1’20”, corso in progressione, con i primi 200 tranquilli e gli ultimi 300 appalla, e dopo 15′ di recupero, un 300, corso tutto appalla, con quel che mi sarà rimasto nelle gambe. Poi se voglio (...ma facciamo anche no!!!) un 150 per chiudere la seduta.

Boh…a me sembra tosta, ma …che devo fare…il 3 giugno in fondo è ancora un po’ lontano e..boh…non posso fare altro che augurarmi che abbia ragione lui…

 

Alla prossima

 

Fino in fondoultima modifica: 2010-05-28T22:05:00+02:00da pandanilo
Reposta per primo quest’articolo

6 pensieri su “Fino in fondo

  1. se ti spacchi ?

    Dici che io recupero a tempo di record giusto? Personalmente non riuscirei a sopportare allenamenti simili soprattutto quello di oggi dopo 2 gare in 3 giorni minerà gravemente la tua condizione ….

    Poi anche domani ?

    Senza l’ombra di un allenamento “di recupero” dopo le gare?

    Io oggi ho rigenerato ….domenica rifinitura leggera e martedì pregara leggerissimo ….

    Scusa, magari si offende ma devo dirlo …sei sicuro che non sia in stato confusionale????

  2. guarda lucky, ti dico “fino in fondo” la mia opinione.
    Il mio coach correva da giovane l’800 in 1’51”, allena da molti anni atleti di rilievo nazionale, ha allenato squadre di rilevanza nazionale, recentemente 400isti da 47, sprinter molto giovani da 6″8 sui 60, 10″7 sui 100, ragazzine da 59″ sul GIRO, allievi che ottengono il minimo per gli italiani in diverse specialità, lungo, triplo, ostacoli, ecc.
    quindi non ho mai creduto fosse incapace, anche perchè altrimenti non mi sarei affidato a lui. solo, però, che i miei dubbi siano relativi a 3 cose:
    a) metodologia di allenamento valida su molto ma non su tutto, e su alcune cose discutibile (esiste forse di meglio oltreoceano? califfo credo la pensi così e e almeno in parte credo anch’io)
    b) conosce poco il mondo de i master (capacità di sostenere certe sedute specifiche che inceve vanno bene per i ragazzi, capacità di recupero, ecc.)
    c) il mio più grosso dubbio però sai qual è? è che essendo concentrato sui regazzini, sia un po’ superficiale e distratto con me che sono un master…ma se così fosse…considerando l’impegno, la dedizione e il tempo che IO ci metto personalemnte, questo farei fatica a giustificarglielo!!!

    questo è il mio pensiero, fino in fondo. poi a fine stagione vedrò e farò valutazioni complessive conclusive…sul mio lavoro, e sul suo.
    😉

  3. io ho il difetto di essere troppo buono e rispettoso del prossimo, per cui tengo per me aggettivi ed esclamazioni.
    quelle sedute fanno male anche ai regazzini, il fatto che c’è gente nazionale non vuol dire niente… se si allenassero meglio sarebbero a livello internazionale… lo sapete che le liste italiane allievi sui 100 sono migliori di quelle jamaicane?

  4. sì, è possibile, califfo, non lo escludo.

    il problema è che nell’atletica prove (e controprove) dell’efficacia (o dell’inefficacia) delle metodologie di allenamento son sempre difficili da associare ai risultati positivi o negativi.

    certamente trovo personalmente sempre molto interessante il confronto tra scuole di pensiero diverse. quindi qui non preoccuparti, non si offende nessuno e nessuno ti cassa, esprimi come hai sempre fatto le tue preziose opinioni. anzi grazie per il fatto che lo fai da tempo.

    A PROPOSITO…non ho letto tuoi commenti nè sull’800 di Lucky, nè sul mio 200. sono curioso.

  5. non ho molto da commentare. il tuo buon 200 è frutto dello scarico deciso finalmente fatto nella settimana prima della gara, sicuramente un tempo che avresti potuto fare già l’anno scorso, anzi avresti potuto fare anche meglio con 11.7 sui 100.
    lucky quando finalmente troverà la gara perfetta (in questa mancava la concorrenza giusta) farà anche meglio.

  6. Si i tuoi dubbi sono molto fondati soprattutto sul discorso che tu sei un master e non un ragazzino e che in qs periodi magari fai più fatica a recuperare anche per via dei guai fisici che ti perseguitano (affaticamenti vari e ora periostite che sono devi sottovalutare e che spesso è dovuta al sovrallenamento).

    Però, però e ci tengo a dirlo, anche un bambino capisce che correrè 2 qualità del genere all’indomani di 2 gare è incredibilmente rischioso….

Lascia un commento