Solo e Accompagnato

La ripresa è un po’ dura, più quella atletica che lavorativa, stranamente.

Ieri una piramide tranquilla con 2’30” di recupero, coorendo un 200 in 38″, un 300 in 54″, un 400 in 1’15”, un 300 in 55″ e un 200 in 39″. Poi palestra a curare il sopra, con panca, trapezi, addominali, bicipiti, ecc..

Stasera invece vado in pista con toni assertivi..e dico espressamente a Raffaele: voglio allenarmi con Sergio d’ora in poi, mi farebbe molto piacere: il mio 2011 vorrei fosse così. Sorride lui, mi sorride Sergio, che ha sentito. (Sergio riprenderà a programmare seriamente le sue sedute – dopo l’infortunio – non prima di ottobre)  E’ quindi daccordo tanto il coach quanto l’atleta, compatibilmente con i dovuti distinguo di livello prestativo e di numero di sedute settimanali.

E poi Sergio è così gentile che già oggi decide di farmi compagnia sugli 80 metri, 3 serie da 4 corsi tecnicamente più che velocemente, in 11″5-12″.

Poi un paio di prove lunghe briosette, ma controllate: un mille in 3’25” e dopo 8′ un 400 in 1’09”.

Doccia e a casa, con la principessina che al telefono piange e dice che vuole stare con la sua mamma e il suo papà, e non con i nonni a Napoli.  Ha cambiato idea. Semplicemente. Piccola frustrazione da bimba, e …grande frustrazione per i genitori. Com’è dura l’avventura.

 

Alla prossima

Solo e Accompagnatoultima modifica: 2010-07-20T21:46:00+02:00da pandanilo
Reposta per primo quest’articolo

2 pensieri su “Solo e Accompagnato

  1. sai cosa lucky …è che col passare del tempo diventa sempre più facile trovare gente più forte di me!
    😉

Lascia un commento