In testa

teste.jpg

Mercoledì al Giuriati, ore 13, c’è un timido sole che prova a scacciare la nebbia di questi giorni.

Corro 2km in leggera progressione, recupero 4′ e poi corro 5×200 in 37″ circa, forse anche 38″, recuperando 1’30”. Poi il tempo di rifiatare un po’ (credo ancora circa 4′) e riparto per 2x3x100, i primi in 17″ gli ultimi 15″ e rotti, recuperando un minuto tra le prove e 3′ tra le serie.

Come faccio a d essere così certo dei tempi pur non avendo il cronometro? Merito dei tanti anni di Subbuteo: nei due tempi di gioco, ciascuno della durata di 15′, io che a differenza degli avversari giocavo senza guardare il cronometro, sapevo con certezza quasi piena quando scattava l’ultimo minuto di gioco. Con l’abitudine, il tempo mi è entrato un po’ nella testa.

Oggi si va ancora al Giuriati, e domenica mattina al parco a far salite, e poi si torna a Villasanta, probabilmnete con una nuova tabellozza.

Forse per allora a qualcuna di queste teste (dimensione 1.5 cm, eh! non è facile, mi son dovuto addirittura inventare utensili a misura adatta per modellare!) sarò riuscito a dare almeno un corpo. Fino a Natale 2011 di tempo ce n’è.

 

Alla prossima

 

In testaultima modifica: 2011-01-21T12:00:00+01:00da pandanilo
Reposta per primo quest’articolo

4 pensieri su “In testa

  1. Bravo! Stasera provo e settimana prossima ti torchio ben bene :-))) o meglio mi torchi ben bene :-)))))) …….avampiede permettendo….

    Cmq penso di fare così …sedute di velocità mai più arena, nemmeno per l’allenamento …comincio a pensare che sia davvero una pista killer….

  2. Avevo letto 1,5m l’una…
    Stai lavorando sulla testa eh 😉

    Comunque sarai bravo con sto crono mentale, ma com è che l’anno scorso finivi le gare immaginavi un tempo e poi era sempre 2 secondi più alto? Sarà che in gara salta tutto.

  3. @califfo: grazie califfo, ma queste nella foto sono fatte di cernit, più facile da lavorare del das

    @nicola, no…dai, solo alla prima gara è successo

    @lucky: per quanto dura sia l’arena, credo cmq meglio dell’asfalto, no?

Lascia un commento