Il piriforme?

Ieri temperatura buona, ma umidità noiosa.

L’anca sinistra (la zona è più o meno quella) non mi permette di correre rilassato, e quando provo a spingere un po’ sento che anche il piriforme sussulta.

Cosicchè corro 4×100 in 14″ circa, recuperando 2′,  e dopo 4′  ne corro altri 3 appena sotto i 14″. Ma sento il fastidio che tende a diventare dolore, sicchè salto l’ultima prova.

Mi apsetta ora un 600 impegnato ma non troppo, e un GIRO ad andatura variata. Ma Raffaele mi suggersice di non rischiare e di correre solo il 600. In compagnia di due regazzini di cui uno, Flavio, tanto giovane quanto forte (specialità 400 ostacoli) riesco a correre con scioltezza (per me disarmante)  un 600 in 1’49”, passaggi regolarissimi e tenuta finale composta e dignitosa. Insomma, non sembravio io.

Stanotte però non riuscivo a trovare una posizione comoda per la gamba, e stamattina zoppico addirittura un po’. Vediamo se riesco a fissare una seduta da Lorenzo, altrimenti farò qualche giorno di saggio riposo. Tanto la condizione sembra decente e gare nel breve non ce ne sono.

 

Alla prossima

 

Il piriforme?ultima modifica: 2011-02-15T10:05:17+01:00da pandanilo
Reposta per primo quest’articolo

4 pensieri su “Il piriforme?

  1. Mircuz, il Lory non mi ha cagato… 🙁
    allora sono andato dal suo socio a Seregno, Maurizio, bravissimo anche lui
    e mi ha fato la FIBROLISI per separare semitendinoso e semimembranoso

    Ieri sera, nonostante la pioggia, HO VISTO LE STELLE

Lascia un commento