Pisciatine all’Arena

 

incontri.JPG

 

SE mi si chiedesse perche corri? certamente mi verrebbero in mente giornate come queste. Sport, tranquillità, amici, rispetto: valori.

Perchè SE – e dico SE – ci si vuole incontrare un modo e un luogo si trovano sempre.

Così io e Lucky oggi assecondiamo il Levriero per orario e posto di ritrovo (l’Arena Civica di Milano), io e il Levriero assecondiamo Lucky per la seduta (la tabellozza di Lucky prevedeva oggi 8×400 con 2′ di recupero). E tutti e tre assecondiamo la voglia di allenarci insieme e di spezzare la giornata di lavoro con una bella sgambata in pista.

Tutto in poco tempo a disposizione: uscite a pisciare più che allenamenti, come direbbe qualcuno.

Che poi alla fine la seduta è piaciuta a tutti, e credo sia stata anche utile, a tutti, nonostante  le specialità  e gli oiettivi differenti. Io però corro i 300 e non i 400 (non ce la farei a star con loro), recuperando quindi una manciata di secondi in più di loro, e correndo solo i 3/4 finali della loro prova. Così mentre loro corrono in 1’15” circa, i mei tempi sono 56″-57″-57″-57″-57″-56″-53″.

Poi l’ultima prova delle otto previste decido di tirare fuori le palle e provare un 400 con loro, ma di tirarlo un po’ però, e viene fuori un interessante 1’08”, con tiratina di collo finale con Lucky sul rettilineo finale. Anche se a onor del vero va detto che lui, povero, ha corso con un solo piede.

 

Alla prossima

Comoda mente

L’idea che questa sia la settimana dei test mi mette ansia, ed è l’ultima cosa di cui ho bisogno in questo periodo.

Raffaele mi propone un paio di prove sui 500 metri, intervallate da 10′. Non gli chiedo il ritmo atteso, lui non mi chiede tempi particolari. Mi dice solo non devono essere prove da tirarsi il collo. Figurati, e chi ne ha voglia. Oltre al fatto che anche le energie fisiche scarseggiano, con frequenti  giramenti di testa.

Al gelo e umidità di ieri sera corro così un primo 500 con l’intenzione di provare a stare dentro l’135″. Ne viene fuori 1’28”, non male, penso. Dopo 10′ riparto e chiudo in un tempo identico: ancora 1’28”. Nessuno spreco di energie, nessun commento da parte di Raffaele.

Prima di andare a dormire faccio due conti e vedo che ho corso all’85% del mio PB, che è di 1’15”. Effettivamente forse chiamarlo test è eccesivo. E il silenzio di Raffaele dev’esser preso probabilmente come un getso di eleganza nei miei confronti. Insomma, per dirla in altre parole, credo di aver cannato il test…

Ma alemno anche stamattina sono senza dolori fisici, di nessun genere. Solo l’anima soffre un pochino.

 

Alla prossima