Premio pazienza

Oggi fa una settimana di stop. Voluto, più che forzato (e questo è un lusso).

Perchè nelle settimane scorse, da quando è comparso il fastidio all’anca sinistra, sono comunque riuscito a correre, e mi è riuscita anche qualche seduta piuttosto soddisfacente, sotto il profilo della prestazione, non delle sensazioni però.

E allora pur essendo oggi quasi passato il dolore, aspetto ancora domani per tornare a correre, anche se magari pioverà. Cosa vuoi che sia la pioggia, se non acqua.

Sì, bisogna cercare di aver pazienza, nel rispetto del proprio corpo, ma soprattutto nel rispetto di chi ha problemi ben più seri dei mei, e di pazienza ne deve avere oltre ogni limite, per poter tornare a correre, a camminare, o semplicemente per continuare a vivere. Ma poi, queste persone devono essere premiate. Dio, se esisti, e ti capitasse di leggere questa mia preghiera, saprai certamente come fare. Ti prego, consegna un premio a chi sai.

 

Alla prossima

Premio pazienzaultima modifica: 2011-03-12T12:56:00+01:00da pandanilo
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento