L’ora d’aria

Anche meno, a dire il vero.

Trento andata e ritorno oggi e lo stesso domani. Da alcuni giorni e ancora per qualche altro giorno a venire, il lavoro intenso (quello per cui mi pagano!) non mi lascia tregua.

Il lavoro bello (quello per cui non mi pagano) non riesco a farlo, neanche oggi… anzi sì. C’ho giusto un’oretta appena rientrato dal viaggio. Vuoi vedere che con questo sole e prima del convegno di domani non ci stia bene un po’ di sana corsetta per scaricare la tensione?

Via, allora, nel mio primo giorno di primavera, a correre 10×200 con media 37″, e il solito minuto di recupero. Mi sento abbastanza a mio agio. Mi fermo 5′ per rifiatare e riparto con un 400 in 1’18”, dopo 2′ corro un 300 in 57″, e dopo altri due minuti ancora un ultimo 300 in 57″.

E fanno 3km tondi tondi di attività aerobica.

Che goduria, ci voleva proprio.

 

Alla prossima

 

L’ora d’ariaultima modifica: 2011-03-24T19:50:00+01:00da pandanilo
Reposta per primo quest’articolo

3 pensieri su “L’ora d’aria

  1. perchè domanica non vieni a correre la Stramilano con me e Cristiano? Facciamo la 10K 🙂

    Cazzo mi ero perso il commento del Califfo eh eh …ma quel ragazzo che ha fatto 48.8 che PB ha?

Lascia un commento