Sulla scia di MJ (magari!)

Prendete un trecento e corretelo all’85% circa, dopo un minuto e mezzo correte un 100 alla velocità con cui correreste l’ultimo cento del GIRO.

Aspettate 5′ e ripetete il tutto per altre 2 volte.

Questi gli ingredienti e la ricetta della mia seduta di venerdì. Una seduta simile, anche se un po’ spinta, l’avevo vista fare ad alcuni atleti nazionali italiani qualche tempo fa, e ne avevo parlato con Raffaele, che mi disse di aver sperimentato in passato anche lui una cosa simile.

Il Califfo, quando glie ne ho parlato, a tal proposito mi scriveva settimane fa di una seduta di MJ, detentore del WR sul GIRO, e sull’interpretazione dei ritmi mi ha convinto di più.

la seduta era:
3x (300 rec.1′ + 100) rec.5′
mj le faceva in 38+11.5… lui valeva 31 e 9.6(in piedi) come pb. quindi 81.5%(sul 300) e 83.5%(sul 100)
tu dovresti fare 46/47 + 14… che poi 14 corrisponde all’ultimo 100 di un 400 in 53 (13/12.5/13.5/14).

Ecco … io quel che sono riuscito a fare è stato 48″5 e 15″5, ma credo non sia male come inizio, soprattutto considerando che l’anca sinistra funiozna ancora per metà…

 

Poi sabato mattina ancora fibrolisi (stavolta un po’ più dolorosa!) e al pomeriggio 15′ di corsetta blanda su terreno misto, nell’ambito del graditissimo Adidas Running Tour, calzando per la prima volta delle A1. Grazie ancora all’amico Lucky per il coinvolgimento in questa ottima iniziativa.

 

Alla prossima


I trecenti

Pur di correre insieme all’Arena oggi ho costretto il Levriero a fare una seduta un po’ contorta, ma mi ha accontentato.

Così per partire insieme, e arrivare insieme, lui che tra gli 8×300 vuole fare recupero attivo correndo 200 metri, nello steso tempo in cui  corre i 300 (un minuto) deve fare una roba strana con un doppio giro di boa mentre mi aspetta.

Io invece corro 8×300 con 1′ di recupero camminando (anche qualcosa meno di un minuto a dire il vero…) e vado in progressione, fermando il cronometro su 1’04”-1’03”-1’04”-1’03”-1’01”-1’00”-59″-55″. Appena finita la seduta 160 battiti circa che diventano 132 un minuto dopo.

Il dolore all’anca non è scomparso del tutto, ma più scaldavo e meno mi faceva male…però più correvo e più lo sovraccaricavo…e più mi faceva male…insomma una roba strana, media, equilibrata, ma decisiamente gestibile.

Ora mi sono appena finito di mangiare 250 gr. di datteri (circa 35-40 datteri) gentile omaggio del Levriero, nonostante le precise indicazioni del donatore di non esagerare (mangiane al massimo 5 per volta che sono lassativi)…

Spero di non dover raccontare di effetti devastanti…

 

Alla prossima