Quattro per due

Alle 13,30 siamo appena entrati all’Arena e ci dicono che entro mezzora dobbiamo liberare gli spogliatoi.

Il Levriero è tonico e voglioso di ritmi brillanti, e allora dopo un po’ di riscaldamento tra dolori vecchi e fastidi nuovi decidiamo di fare qualche 200, con 3′ di recupero. Dopo il primo però Nicola mi abbandona, saggiamente, perchè sente pizzicare il gluteo. Buon segno, gli dico, stai diventando un velocista. Ma a parte la battuta, spero sia cosa da poco. E quindi devo continuare da solo, e decido per farne complessivamente 4, l’ultimo un po’ più veloce dei primi 3. I tempi complessivi sono:

30″45 – 29″83 – 30″93 – 28″46

Torno in ufficio dopo una doccia e un po’ di mal di schiena in più rspetto a quando dall’uficio ero partito. Stasera vediamo di dare il colpo di grazia (o di prendere il colpo della strega!) con una decina di km in bicicletta, in frequenza, 110 pedalate al minuto circa. Ché ci sto proprio prendendo gusto sul circuito tecnico, tra le aiuole attorno allo stadio.

 

Alla prossima

 

Quattro per dueultima modifica: 2011-05-16T14:58:00+02:00da pandanilo
Reposta per primo quest’articolo

4 pensieri su “Quattro per due

  1. eh, mi sa che c’hai ragione
    MA …
    fosse solo colpa della bici…
    il problema è l’età … e gli acciacchi
    😉

    preparati per mercoledì gringo!

  2. io devo smettere anche se un po’ mi spiace …però mi accorgo che mi fiacca parecchio …

    oggi 10K di lento e per mer sarò in gran forma! 🙂

Lascia un commento