Menabrea n.18

Che poi per festeggiare oggi non c’è stata una Menabrea, ma una spettacolarisima Granita Siciliana con Brioche, alla gelateria Aloha, in via Teodosio.

C’ho 20′ per entrare in temperatura, chè Marco c’ha fretta oggi. Gli tocca, e quindi mi tocca, un 120 e dopo 10′ un 300. Con lui c’è aria di PB, ogni volta che si corre, perchè è un pelo più forte di me, quindi è sempre parecchio stimolante allenarsi insieme.

E così sarà, già con un 30mt coi chiodi vado ad eguagliare il mio personale in 3″86.

Nel 120mt parto a razzo, passiamo in 7″3 ai 60mt, e siamo affiancati fino a 20mt dalla fine, quando io calo e lui mi da la zampata finale. Lui 14″19, io 14″39, che per me vale mezzo secondo meglio del mio personale.

Dopo 10′ sotto un sole caldissimo, andiamo per i 300mt, te li tiro io in 40″ mi dice lui, visto che io ho il latattato già in circolo.

Parte forte e parto forte anch’io, ma lui di più, in curva sembra avere un vantaggio incolmabile, ma è il pezzo in cui io galleggio in attesa del rettilineo, poi si riprende a spingere e arriviamo al traguardo a parti invertite, io qualcosa davanti a lui, chiudendo in 41″ netti.

 

Alla prossima

Menabrea n.18ultima modifica: 2011-06-27T14:45:00+02:00da pandanilo
Reposta per primo quest’articolo

7 pensieri su “Menabrea n.18

  1. Hai fatto una seduta estremamente lattacida nella settimana della gara …dico solo questo …

    La mia rifinitura penso di farla mercoledì alla pausa pranzo ….

  2. sì, ne sono consapevole però è ancora lunedì, fino a sabato praticamente niente. E cmq sono ancora sui 56 credo, scaricare bene mi porta a 55? E a che mi serve? Meglio divertirsi! 😉

  3. no credo tu possa fare un gran tempo sul 200 – potresti anzi fare 100 e 200 e non il 4 ….

    il 4 lo fai a Rovellasca …

  4. Un po’ di merito lo vogliamo dare anche alle tranquille pedalate? che fanno tanto bene alla mente e al corpo.
    Non hai nemmeno citato un acciacchino.
    ciauz

Lascia un commento