Pandapapà

08092011071.jpg

Ma il merito è tutto di pandamamma.

Le donne hanno una marcia in più. Precesareizzata dovrebbe andare in automatico ancora al cesareo, ma decide di provarci per un parto naturale, e allora diventa paziente sootto osservazione speciale. Risultato: 22 ore di contrazioni violente, ogni 4-5 minuti e poi sempre più ravvicinate. Delle 22 ore, 16 sono di travaglio perchè finchè non inizia la dilatazione (lenta) loro non lo chiamano travaglio. Intanto una serie di visite che provocano un macello da vedere e da provare, e poi con gli occhi indietro e in delirio di dolore, sfinita con le energie che vanno a zero, e un filo di voce appena, la sofferta ma condivisa decisione per il cesareo.

E il panda che crolla in lacrime, consolato dalla dottoressa veterana dell’Ospedale di Monza, che con dolcezza mi prende il viso tra le mani e mi sorride, con fare materno e professionale, insieme. Insomma…le donne hanno una marcia in più.

Alla prossima

Pandapapàultima modifica: 2011-09-09T16:02:00+02:00da pandanilo
Reposta per primo quest’articolo

6 pensieri su “Pandapapà

Lascia un commento