Come un leone

Hai mai visto un leone scaldarsi o allenarsi per raggiungere una gazzella?

Questa frase celebre di Daniele mi fa sempre sorridere, anche se gli ho sempre risposto …ma tu hai mai chiesto ale leone se il giorno dopo è pieno di dolori?

Insomma, tempo per riscaldarsi sempre meno, ma pare che per il momento felino che sto vivendo, va bene così. Venerdì in sua parziale compagnia mi faccio come previsto 3x4x300 in 53″6 di media, con gran fatica, ma con la soddisfazione di aver rispettato la mia personale tabellina.

Ieri mattina invece è successa una cosa esaltante, Al Parco di Monza coi regazzini a far velocità in salita, inanello 2x4x50mt con un miglior 7″29 che mi vale la miglior prestazione personale di sempre. Ma la cosa ancor più esaltante è il GIRO in saliscendi che faccio dopo con Sergione, che mi chiede una mano sul secondo dei due GIRI che deve correre in progressione. Gli dico che il mio miglior risultato è 1’03” e che cercherò sì di stare su quel ritmo, am che non garantisco, e che se quidni lui ne avesse per andare più forte che si senta pure libero di scappare. Ma le cose andranno molto diversamente.

A scappare infatti sono io, con una mai provata prima sinergia tra mente, schiena, braccia, gambe, piedi e caviglie. Mi urla che è troppo forte, lo incoraggio a venirmi sotto, girando mi un paio di volte, insomma, mi riesce addirittura di lasciarlo dietro una decina di metri, che mi recupererà però quasi del tutto nella dura salita finale. Chiudo con 58″9, limando ben 4″ al mio precedente miglior tempo. Incredibile! 4 secondi…

Dopo 6’30” ne faccio ancora uno di GIRO, da solo, e lo chiudo in 1’02”, crollando un po’ sulla salita. Ma le sensazioni di assenza totale di fatica provate nel primo dei due GIRI, davvero non le dimeticherò facilmente.

Oh, ad onor del vero, ricordo per la precisione ‘sto GIRO qua in saliscendi dicono siano 395metri, non 400. Ma le snsazini, più dei metri o dei secondi, son quelle che mi hanno dato la gioia.

 

Alla prossima

Come un leoneultima modifica: 2011-11-21T12:34:00+01:00da pandanilo
Reposta per primo quest’articolo

3 pensieri su “Come un leone

  1. E chi ti ferma più ? Ma attento in questi periodi stai andando forte troppo forte …fa freddo, ocio …

    Ocio che l’anno prossimo voglio bastonarti da sano 🙂

  2. Un po’ ha ragione Lucky; per me è facile, tanto sotto ai 3.20 non vado. Ma il panda comunque corre bello vestito di solito.

  3. non fa ancora tanto freddo dai, poi addirittura non fa MAI freddo al Giuriati, lo sapete. Il levriero quasi quasi potrebbe ancora osare un torso nudo, anche se rischierebbe di disonorare Daniele, e siccome è un signore, non lo farebbe mai.
    😉

Lascia un commento