Lì, solo

Sono le 8 del mattino e  ci sono 19° quando carico la bici in macchina per andare a scalare il Lissolo.

Le condizioni meteo sono ideali e dopo i 12’15” ottenuti circa un mese fa in mountain bike, cercavo un’occasione per riscattarmi. Parto bene, anche se come al solito senza riscaldamento, sicchè dopo i primi strappi le gambe mi si induriscono, ma non ho la controprova che col riscaldamento possa andar meglio, e in ogni caso non ho neanche il tempo per farlo. Quindi questo è, prendere o lasciare.

Ma dopo 7’48” di pedalata consistente e soddisfacente, quando ho ormai superato il monastero e la discesa successiva, sull’ultima rampa sento davvero che le gambe non vanno più e il fiatone mi preme sul petto da far paura. Mi ricordo che a casa ho una principessa, una principessina e un principino che mi aspettano, sicchè preferisco fermarmi e rifiatare un minutino circa, il tempo di terminare la rampa ripida a piedi. Una vergogna per un ciclista, ma che ci posso fare?!

Concludo poi pimpante verso il traguardo, in 11’30”.

E mercoledì ci sarà il cinema con uzì, si replica, stesso posto stesso mare, sperando di avvicinare il tempo medio dei ciclisti di Grimpeur.it .

 

Alla prossima

Lì, soloultima modifica: 2012-07-07T23:17:00+02:00da pandanilo
Reposta per primo quest’articolo

4 pensieri su “Lì, solo

Lascia un commento