Le chiamano SFR

sfr.jpg

Mutuando dall’atletica un po’ di metodi di allenamento, il ciclismo si è un po’ rinnovato, rispetto a 20 anni fa.

E allora provo queste famose SFR – salita di forza resistente, di cui ho letto bellurie.

A dire il vero oltre ad essere poco divertente non sono neanche convinto che una cosa del genere serva più delle uscite nilly-wlly  – ad cazzum canis)

In ogni caso come si può vedere dal grafico faccio 4 ripetute da circa 1.5 km, pendenza al 5% impostandole col 53×18, cioè un rapportone che mi costringe a stare sotto le 50 rpm -rivoluzioni per minuto … cioè numero di pedalate in un minuto. Si fanno – dicono i guru… rigorosamente da seduti e senza strappare con le braccia, esercitando così solo le gambe. Poi il recupero lo detta il tempo di tornare giù e ripartire. Si tratta di sforzi di poco sotto i 4′ e recuperi di poco meno ancora . Sarei curioso di sapere cosa ne pensa il califfo, semmai passasse di qua.

Intanto il mio compagno di giochi ieri è diventato vecchio, precedendomi di qualche settimana. Auguri e …aspettami che nella nuova categoria MM40 che ora chiano chiano arrivo anch’io.

 

Alla prossima

Le chiamano SFRultima modifica: 2013-09-09T11:26:21+02:00da pandanilo
Reposta per primo quest’articolo

2 pensieri su “Le chiamano SFR

  1. …mha….io qualche anno fa avevo provato a farle.A me aveva fatto più danni che altro.Nel senso…probabilmente per uno che fa ciclismo seriamente fanno benissimo. Ma per me, che uscivo 3 volte settimana erano un “di più” che mi imballava e basta…..

Lascia un commento